Navigazione veloce

Benvenuto

Nome di Login:

Password:






Prossimi Eventi

Nessun evento prossimo

Online

Ospiti: 21
Utenti: 0
In questa pagina: 1
Totale: 1256, Ultimo: scalorbi.g

Statistiche

Questa pagina oggi ...
totale: 0
visite uniche: 0

Questa pagina totale ...
totale: 19344
visite uniche: 4672

Sito ...
totale: 371102
visite uniche: 78238

Versione Mobile

e107mobile Ora puoi visitarci sul tuo telefono cellulare! Vai a www.procuraminori-bologna.it/ sul tuo telefono cellulare o PDA per iniziare!



Data / Ora

 


Intestazione


RSS di Emilia-Romagna - ANSA.it

»Pestata e rapinata da 'branco in rosa', 3 ragazze denunciate
20enne e due di 15 e 14 anni. Movente per questioni sentimentali
»Incendio in canile nel Bolognese
Danneggiati un'auto, un furgone e parte tetto della struttura
»Polemiche su 'menu fascista' a Ravenna
Iniziativa per presentazione libro. Autore, 'prendo distanze'
»Piacenza, terremoto di magnitudo 4.3. Non si hanno notizie di danni
Epicentro a Gropparello, non si ha notizia di danni
»Di Maio, ho tanta fiducia per Imola
'Se sarà a 5 Stelle avrà dalla sua parte un Governo nazionale'
»Zaytsev a Modena, 'non vi deluderò'
Indosserà la maglia numero 9 e tornerà a giocare da opposto


Data di pubblicazione: Non conosciuto(a)
Dettagli


Feed RSS

Le news possono essere distribuite con sistema RSS.
rss1.0
rss2.0
rdf


giovedì 17 settembre 2015

LIbro bianco sulle strutture di accoglienza per minori nella regione Emilia-Romagna (Anni 2011-2012-2013)  

Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss
Generale - Fabrizio Cavani - Commenti: - giovedì 17 settembre 2015 - 10:41:34

Questo volume nasce da un’idea e da una proposta del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni dell’Emilia Romagna: pubblicare, in una specie di “libro bianco”, tutti i dati dei minorenni passati dalle comunità residenziali della Regione e trasmessi a quella Procura dalle comunità stesse, in adempimento dell’obbligo sancito dall’art. 9 comma 2 della l. 1983 n. 184, come modif. dalla l. 2001 n. 149. Si tratta di dati che le comunità inviano alla Procura al momento dell’ingresso di un minore e di ogni successiva variazione, e che vengono raccolti ed elaborati in una banca dati creata dalla stessa Procura, denominata GECO (Gestione Comunità).
Per la precisione, la norma sopra richiamata – erede, come si dirà, di una lunga storia – parla di elenchi semestrali, e non di segnalazioni individuali e neppure di segnalazioni immediate. Ma non si può negare che le procure per i minorenni, divenute con la riforma del 2001 le sole titolari del potere di attivare presso il tribunale per i minorenni il procedimento di adottabilità, abbiano assai più di prima il compito di monitorare la situazione dell’infanzia e dell’adolescenza a rischio di abbandono e di maltrattamento e di chiedere al giudice un provvedimento di protezione. Per questo, il sistema messo in atto dalla Procura minorile di Bologna consente una individuazione più tempestiva dei casi in cui i diritti della persona di età minore sono compromessi o violati.
L’ufficio del Garante regionale, a norma dell’art. 2 lettera N) della l.r. E.R. 2005 nr. 9, ha tra le
altre funzioni quella di collaborare agli interventi di raccolta ed elaborazione di tutti i dati relativi all’infanzia e all’adolescenza in ambito regionale.
E’ in questo spirito collaborativo che esso ha raccolto l’invito del Procuratore, e chiesto l’intervento degli Organi regionali interessati.


Il libro bianco é disponibile qui : Libro bianco sulle comunità

Minori accolti
Garante per l'infazia e l'adolescenza - libro bianco




Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia