Navigazione veloce

Benvenuto

Nome di Login:

Password:






Prossimi Eventi

Nessun evento prossimo

Online

Ospiti: 18
Utenti: 0
In questa pagina: 1
Totale: 1256, Ultimo: scalorbi.g

Statistiche

Questa pagina oggi ...
totale: 6
visite uniche: 1

Questa pagina totale ...
totale: 20331
visite uniche: 4921

Sito ...
totale: 383286
visite uniche: 81352

Versione Mobile

e107mobile Ora puoi visitarci sul tuo telefono cellulare! Vai a www.procuraminori-bologna.it/ sul tuo telefono cellulare o PDA per iniziare!



Data / Ora

 


Intestazione


RSS di Emilia-Romagna - ANSA.it

»Rimini, altri due arresti per spaccio nei parchi
Operazione 'Free Park' condotta dai carabinieri
»Spiagge sicure, bene bilancio riminese
Azioni di contrasto ad abusivismo commerciale e reati predatori
»Bimba muore in casa, ipotesi malore
Nella serata di ieri, giocava con amichetti. Inutili soccorsi
»Tentano furto in abitazione, due arresti
Intervento della Polizia a Bologna su segnalazione di residente
»Roma: Di Francesco, serve cattiveria ora
"Bologna squadra sempre ostica ma noi dobbiamo solo vincere"
»Malore fatale per fungaiolo nel Parmense
Nei boschi insieme a moglie e nipote. Inutili i soccorsi


Data di pubblicazione: Non conosciuto(a)
Dettagli


Feed RSS

Le news possono essere distribuite con sistema RSS.
rss1.0
rss2.0
rdf


giovedì 13 gennaio 2011

Ambiente familiare pregiudizievole integra maltrattamenti a danno dei figli.  

Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss
Generale - Fabrizio Cavani - Commenti: 0 - giovedì 13 gennaio 2011 - 09:03:24

Nuovi contenuti in area download.


Cass. pen. Sez. V, Sent., (ud. 22-10-2010) 22-11-2010, n. 41142.

Il delitto di cui all’art. 572 c.p. deve ritenersi sussistente anche qualora lo stato di sofferenza e di umiliazione delle vittime derivi, non già da specifici comportamenti dell’agente, bensì da un clima negativo generalmente instaurato all’interno di una comunità di soggetti proprio in conseguenza degli atti di sopraffazione indistintamente e variamente commessi, consapevolmente, dall’agente medesimo. Pertanto, è ravvisabile il delitto di maltrattamenti a danno dei minori nelle ipotesi in cui questi non siano stati l’oggetto diretto delle invettive, delle aggressioni e dei comportamenti anche moralmente distruttivi posti in essere dal padre in maniera diretta nei confronti della coniuge. In ipotesi siffatte, invero, non può non rilevarsi che i minori verosimilmente risentono del comportamento vessatorio posto in essere dall’agente nei confronti della madre, acclarato nella specie, dalla circostanza che i minori temevano di andare a scuola per non lasciare la mamma da sola.


Il testo integrale della sentenza é disponibile per il download qui (Freccia blu)


[Segnalazione Sig. Procuratore]




Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia